Tele-operated driving

Team: 3 persone;
Avvio: Novembre 2016;
Durata: 12 mesi;
Tecnologie: C++, ROS, D-Space, Matlab-Simulink, ADTF;

Curiosità: Progetto R&D interno volto a esplorare nuovi settori di attività per .objective. A questo scopo è stata avviata una stretta cooperazione con diverse università europee.

Lo sviluppo di veicoli completamente autonomi è a buon punto, dato però che i primi veicoli autonomi commerciali circoleranno sulle strade pubbliche non prima di 10 anni serve una soluzione per la fase transitoria. Un progetto utile è costituito dal tele-operated driving, che offre la possibilità di coinvolgere al bisogno persone con le loro conoscenze, esperienze e la loro creatività. .objective sta lavorando attualmente a una soluzione che può essere installata sia in fase di produzione in serie sia in post montaggio. Il sistema comprende due componenti principali: la piattaforma on-board e la stazione di controllo remoto. La piattaforma on-board interagisce con il veicolo, raccoglie i dati dei sensori e immette i comandi del conducente remoto. Essa dispone di un accesso in lettura e scrittura su CAN-BUS e funge da gateway centrale, che assicura l’interazione tra le reti interne al veicolo e la stazione remota e protegge al contempo il sistema da intrusioni esterne. Il sistema on-board è inoltre in grado di elaborare a livello locale i dati dei sensori per ricostruire il modello dell’ambiente circostante, al fine di trasmettere alla stazione di controllo solo le informazioni necessarie ed evitare quindi un sovraccarico di comunicazione. La stazione remota comprende un processore che riceve i dati trasmessi dalla piattaforma on-board e che prevede il comportamento del veicolo e dei veicoli vicini nei momenti successivi. In più include anche una HMI per l’interazione del conducente remoto con il sistema. Il collegamento al veicolo si ottiene tramite comunicazione mobile per mezzo di un server che potrebbe essere ubicato fisicamente nella stazione remota o in un altro luogo, a seconda del caso.